Archivi tag: sogni

“Dimenticami Trovami Sognami” di Andrea Viscusi

Ti avevo anticipato che mi sarei dedicato alla lettura di qualche autore italiano, no? Ecco.
Certo, per non correre troppi rischi, mi sono diretto su Andrea Viscusi, del quale ti avevo già parlato per l’antologia L’esatta percezione – Nove racconti (la personale che l’associazione RiLL dedica ad autori di particolare talento). Ho fatto bene, te lo anticipo.

Dimenticami Trovami Sognami è un romanzo che si divide in tre parti e in miliardi di universi. Con i dovuti allarmi antispoiler accesi, ti racconto un po’ di trama, senza esagerare. In Dimenticami il protagonista, Dorian, viene selezionato per compiere un innovativo viaggio spaziale. Dovrà stare via per molto, molto tempo e allontanarsi dai suoi affetti, tra i quali la sua compagna Simona. Trovami introduce il personaggio del dottor Novembre, uno psicologo esperto di sogni. Novembre se la vedrà con un paziente particolare che pare avere la capacità di influenzare la realtà. Sognami mescola le carte delle due parti precedenti, delle realtà precedenti, degli universi precedenti… Non aggiungo altro.

Stavo per iniziare questa frase dicendoti che non sono un esperto di fantascienza, che non ne leggo molta e cose così. Poi ho digitato “fantascienza” nella casella di ricerca del blog (per verificare di cosa ti avessi parlato) e mi sono reso conto che tendo a sottostimare la quantità delle mie letture. È vero, probabilmente non potrei essere definito un espertissimo, ma qualcosa l’ho masticato, negli anni. Quindi, con le mie moderate competenze nel settore alieni/viaggispaziali/bracciatentacolateeaffini posso affermare che Viscusi riesce ad aggiungere al genere quel qualcosa che spesso manca: l’emotività. È questa, a mio avviso, la caratteristica più forte che ho apprezzato nel romanzo (non che l’intreccio sia da meno eh, da spaccarsi il cervello). La prima parte della storia, con problemi più terreni, crea l’empatia con i personaggi che ti consente di rimanere loro “attaccato” (concedimi il termine) anche nelle successive, più vicine alla fantascienza classica (e quindi leggermente più fredde). Chapeau.

Non ho letto nemmeno un libro di quelli che l’autore cita nelle note come fonte di ispirazione, magari provvederò. In alcune parti di dialogo con l’Intelligenza Primeva mi sono però tornati alla mente gli scambi con l’entità in Sfera, di Crichton, altro romanzo che mi è piaciuto molto. Non credo che l’associazione sia casuale, anche Viscusi riesce a rendere totalmente credibile quello che scrive, tanto che mentre lo leggi ti pare sia tutto scientificamente dimostrato.

Bene, è quasi mezzanotte e potrei andare a dormire. Ma cosa sognerò? Già perché, se le coincidenze non esistono, i miei sogni potrebbero cominciare a diventare un problema, come quelli del protagonista. Viscusi dichiara (sempre nelle note) di avere un’ossessione per il numero 42. L’editore del libro è Zona 42. Questo blog si chiama PensieroProfondo42. Quindi, sarò io a retconizzare o verrò retconizzato?

08/09/2017 – Incubo delle streghe

Questo incubo non mi ha particolarmente terrorizzato, tuttavia mi è piaciuto molto. E’ geograficamente incasinato, cosa abbastanza normale nelle mie attività oniriche.

Il sogno inzia nel soggiorno di mia nonna materna, che vive in città, anche se il mio io pensa di essere nella casa al mare dei miei suoceri. Ed è proprio con mio suocero e mia moglie che parlo, mentre mi passano dei libri. Stanno svuotando un armadietto e, conoscendo la mia passione per la lettura, mi chiedono se io sia interessato a qualche volume, con l’intento di regalarmelo. Si, i volumi mi piacciono. Ricordo solo che sono dei saggi/guide su qualcosa. Forse questa prima parte non c’entra, ma è iniziato così..
All’improvviso lo scenario cambia, mi trovo nella mia vecchia stanza da letto, con il corridoio vicino. La stanza è però più grande di quello che era in realtà, e così anche il corridoio adiacente, che sembra essere l’ampio ingresso di una villa. Effettivamente io “mi sento” come se fossi in quella che era la casa al lago dei miei nonni materni. Ci sono un sacco di parenti nella stanza con me, anche se non riesco a ricordare quali. Stiamo parlando di una strega che ci sarebbe in zona, o meglio, ne parla qualcuno, io sono scettico, non ricordo cosa dico. Ricordo però che al muro è appesa una gabbia con uno o due canarini. A un certo punto, nella stanza, si sviluppa una sorta di vento molto forte e io svengo. Mi sveglio da solo, c’è tutto per aria, sedie ribaltate e oggetti ovunque. La gabbia è vuota, non ricordo se i canarini siano morti, comunque non ssono visibili. Guardo fuori nel corridoio/ingresso e vedo tutti i corpi dei parenti distesi a terra, come se fossero morti. In mezzo c’è una figura scura, incappucciata, di spalle. Una forza mi trascina verso la porta, in direzione dei corpi, e io svengo di nuovo. (O almeno credo, ci sono questi cambi di scena improvvisi che non riuscirei a spiegarmi altrimenti.) Mi sveglio sdraiato proprio tra la camera e il corridoio, solo che adesso tutte le persone sono in piedi, in ordine sparso, dove prima erano sdraiate. Mi danno tutti le spalle e, al suo posto, c’è la figura incappucciata, anche lei ancora di spalle. Qualcosa si muove dalla zona più lontana del corridoio, un’altra figura incappucciata. Sposta le persone in piedi come se fossero sospese da terra, fluttuanti. Si avvicina e mi scavalca con una gamba, ponendosi sopra di me, che sono sempre sdraiato. Mentre si abbassa riesco a vederne il volto e mi sveglio, perchè mia moglie mi scuote, sto urlando. Quello che ricordo appena sveglio è che avesse un viso, ma non riesco proprio a metterlo a fuoco. Sono certo che fosse pallida.