“Uomini e topi” di John Steinbeck

Uomini e topi (1937) potrebbe tranquillamente essere quello che, in tempi moderni, definiremmo una “costola” di Furore. I temi, gli ambienti e le situazioni sono le stesse del capolavoro di John Steinbeck, ma trattati attraverso una vicenda più piccola e meno complessa, quasi un racconto lungo, più che un romanzo.

George e Lennie sono due braccianti vagabondi, alla costante ricerca di un lavoro e con un sogno piantato in testa: avere abbastanza denaro per possedere un appezzamento proprio dove vivere del “grasso della terra”. C’è un problema però: Lennie è ritardato, oltre che enorme e molto forte. Ogni volta che si fermano da qualche parte Lennie ne combina qualcuna delle sue e, per evitare problemi, i due devono poi scomparire. Per quanto George cerchi di educare Lennie, questi dimentica in fretta tutti gli insegnamenti e il circolo si ripete. Quando, nell’ennesimo ranch, ci si mette di mezzo la moglie/gatta morta del borioso proprietario le cose si complicano tragicamente…

Steinbeck è sempre Steinbeck, ed è in assoluto lo scrittore che preferisco tra i classici della letteratura americana. Anche in Uomini e topi si ritrova la condizione di semi schiavismo dei braccianti, costretti ad accettare qualsiasi soppruso a seguito della grande depressione americana. Le condizioni di (non)sopravvivenza e il cosciente crollo di qualsiasi sogno e speranza di rivalsa di una generazione, che sfoga nel gioco e nell’alcool la sua frustrazione. La netta linea di separazione che divide chi ha, e comanda, e chi non ha, e ubbidisce.

La delicatezza con cui lo scrittore gestisce il rapporto tra i due protagonisti è qualcosa di unico. Non si può non provare pena per il povero Lennie e comprendere allo stesso tempo anche i momenti di insofferenza di George, caricato di una gravosa responsabilità nei confronti dell’amico, destinato a commettere errori irreparabili a causa della propria ingenuità.
In un mondo senza pietà, dove ci si fa le scarpe per poco, non c’è spazio né tolleranza nei confronti di chi è diverso. Lennie è destinato a diventare la vittima sacrificale della guerra tra i poveri, dove chi è ultimo non viene difeso anche quando si potrebbe, per il timore di inimacarsi il padrone. Una guerra che si combatte tra ritardati, appunto, vecchi, storpi, monchi, neri… dove anche i cani al termine della loro vita sono un peso, un peso che viene alleggerito con un colpo di fucile.

Ho letto un’edizione della Bompiani tradotta da Cesare Pavese. Ora corro a cercare il film omonimo del 1992, con (e di) Gary Sinise, insiema a John Malkovich, che non ho mai avuto modo di vedere.

Letti di John Steinbeck:
I pascoli del cielo (1932)
Pian della Tortilla (1935)
Uomini e topi (1937)
Furore (1939)
La luna è tramontata (1942)

4 pensieri riguardo ““Uomini e topi” di John Steinbeck”

  1. Di Steinbeck ho letto solo Furore, proprio grazie alla tua recensione. Mi è piaciuto moltissimo, tanto da diventare subito uno dei miei libri preferiti, e per questo ti devo ringraziare. Leggerò non appena possibile anche gli altri suoi romanzi perché lo apprezzo tantissimo come autore.

    "Mi piace"

    1. Caspita, mi fa davvero piacere tu l’abbia letto grazie a me, mi sento onorato!
      Ha uno stile tutto suo, a volte molto descrittivo ma non per questo noioso. Riesce a rendere perfettamente le situazioni in cui vivono i suoi personaggi, a farti partecipe dei loro problemi. Ed è una scrittura che non invecchia, nonostante sia ormai passato del tempo.
      Quello che io ho notato, e a cui ti consiglio di fare molta attenzione prima di un’eventuale scelta, è quanto sia importante il traduttore. Con I pascoli del cielo, ad esempio, sembrava a tratti di leggere un altro scrittore. Meglio dirigersi sulle traduzioni più moderne, che sono più fedeli rispetto alle riscritture invasive del passato…

      Piace a 1 persona

      1. Figurati, è stata davvero una bella scoperta. Condivido il tuo pensiero sulla sua scrittura: molto incisiva, mai noiosa, efficace anche nelle lunghe descrizioni. Forse è il carattere dei personaggi dare ancora più incisività. Si prova compassione per loro, ma si rimane sbalorditi di fronte al loro orgoglio e dignità. Grazie anche per il consiglio, lo seguirò sicuramente.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.