Archivi tag: Dostoevskij

“Le notti bianche” di Fëdor Dostoevskij

Dopo non dire che non sono di parola. Te l’avevo promesso quando ti ho parlato de L’ altalena di Apollinarija e l’ho fatto: ho letto un romanzo di Fëdor Dostoevskij, Le notti bianche, che poi più che un romanzo è un racconto (circa 100 pagine).
Ti anticipo anche che per un po’ non mi sentirai, sto per partire per delle vacanze fuori stagione. Comunque mi porto la Trilogia siberiana di Nicolai Linin, giusto per restare in tema Russia e affini. È un bel tomo, 900 e più pagine, mi occuperà per più tempo del solito.

Ma veniamo a questo pacco di Dostoevskij. Essendo un racconto molto ben considerato, pensavo di non averlo capito, quindi ho fatto un’approfondita ricerca online. Metti che mi fosse sfuggita qualche morale, qualcosa di non scritto, chessò. Purtroppo non mi è sfuggito nulla. Cioè, quelle quattro tematiche spalmate all’inverosimile su una fetta stantia di prolissità esasperante, le ho individuate tutte. Il sogno, la solitudine, l’introspezione, l’amore… ecc.
In realtà l’unico tema che ho trovato interessante, ma non per merito dell’autore, è il parallelismo tra il protagonista e l’individuo nella società moderna, che tende ad autoisolarsi (o ad essere isolato dalla società, dipende da come la vedi). Tuttavia dubito che Dostoevskij fosse iscritto a Facebook o che postasse foto su Instagram, quindi capisci che è una visione “post mortem” della cosa.

Ma un po’ di trama, che ti piace la normalità, lo so. Il “sognatore” (che è uno straniero senza nome, ma anche senza la cazzutaggine di Clint Eastwood) vive da otto anni a San Pietroburgo e trascorre le sue giornate tirandosi delle seghe mentali pari solo a quelle di una ragazzina al primo appuntamento (ma degli anni ’60, tipo: mi ha toccato le tette, sarò rimasta incinta?). INSPIEGABILMENTE non becca mai una figa, oltre a non avere alcuna interazione sociale, se non con la sua domestica. (Spoiler: non è un personaggio di The Big Bang Theory, poiché non è intelligente). Una sera il sognatore (mentre sta decidendo se è meglio essere o non essere nel momento in cui si è ma non si è) incontra una donna che sembra stia meditando di buttarsi da un ponte (qualcuno, per favore, vada a pagina 6 a darle una spinta così ci risparmiamo tutta questa menata) e, anche in seguito all’intromettersi di un uomo normale che abborda la donna cercando di farsela dare, riesce finalmente a interagire con l’altro sesso. E SBAM! Questa donna, che si chiama Nasten’ka, gli sbatte sul muso una friendzonata che tutti riconoscono già a pagina 7, tranne lui. No, lui no, lui è un eroe e decide di ascoltare le paturnie di Nasten’ka per cinque notti, le famose notti bianche (o meglio, in cui va in bianco). Solo che le paturnie di Nasten’ka riguardano un altro uomo di cui è innamorata (e che è chiaro sin da subito abbia il magico potere di farle scomparire le mutandine con uno schiocco delle dita) e che la donna sta aspettando in seguito a una promessa d’amore di un anno prima. Mi pare inutile proseguire oltre, lasciandoti il piacere di gustare la metamorfosi finale del sognatore, che rompe la sua cuticola e si evolve definitivamente da essere senza orgoglio né dignita in uno splendido esemplare di cuckold.
(Mi rendo conto solo ora di aver descritto la trama in maniera troppo realistica. Se vuoi leggerne una versione romanzata c’è sempre Wikipedia.)

Come forse avrai intuito, non ho apprezzato molto quest’opera di Dostoevskij. L’ho trovata pesante, ridondante, prolissa. Sai che sono tenace e quindi ci riproverò con Dostoevskij, ma non a breve. Prima devo necessariamente dimenticarmi Le notti bianche, arrivare a pensare di essermi sbagliato e decidere che forse ero in un periodo inadatto per leggere questo libro.
Insomma, dovrà passare un bel po’ di tempo.

“L’Altalena di Apollinarija” di Ciriaco Offeddu

Se cerchi traccia di “roba russa” su questo blog non troverai molto. Credo che la cosa più vicina alla Russia che tu possa incontrare sia Putin – Vita di uno zar, di cui ti ho parlato qualche anno fa. In realtà, anche a livello cinematografico, non ho mai frequentato l’ambiente, se non per la doverosa visione de La corazzata Potëmkin di Ejzenštejn (che, ricordiamolo, dura poco meno di un’ora e mezza, a dispetto della fama che lo circonda). Figurati che anche tra i film spacconi e anabolizzati degli anni ’80 (quelli con Schwarzenegger o Stallone, per capirci) Danko non è mai stato tra i miei preferiti. Certo, tra poco mi dedicherò alla Trilogia siberiana di Nicolai Lilin, ma devo ammettere che non ho mai prestato attenzione ai grandi classici russi, cioè a Tolstoj, Gogol’ e, appunto, Dostoevskij.

Questo L’Altalena di Apollinarija di Ciriaco Offeddu si apre con un sottotitolo che dice:

Chi ha ucciso Dostoevskij? Erotismo, spionaggio, amore e letteratura nella Russia di fine Ottocento.

Quindi capisci che non è proprio il mio pane… (anche se non cita Danko!)

Come avrai facilmente intuito, il romanzo gravita attorno alla figura di Fyodor Dostoevskij e della sua amante (un po’ puttana, diciamolo) Apollinaria Prokofyevna Suslova. L’altalena del titolo non è null’altro che una sex machine, strumento che consente di avere rapporti sessuali mantenendo la donna in sospensione (te lo dice uno che ha un discreto grado di competenza), passione erotica della Suslova, la quale non perde occasione di accoppiarsi come un istrice in calore con qualsiasi cosa respiri. Il povero Dostoevskij non può che mal sopportare la situazione (cioè il peregrinare della sua amante di caz.. ehm, di fiore in fiore) fino allo sfinimento, che esorcizza infilando Apollinaria nei suoi romanzi e facendola diventare la sua musa distruttrice.
Nel frattempo la polizia segreta dello zar sta compiendo un’indagine approfondita per capire se gli intellettuali della Russia di fine Ottocento siano complici dell’avverarsi della Grande Profezia, cioè la fine del regno degli zar, il gggomplotto, la rivoluzione. Ovviamente è un’indagine “alla russa”, cioè compiuta utilizzando interrogatori e terrore, oltre che con eliminazioni fisiche. E poi c’è questo sospetto che Dostoevskij sia stato ucciso…

Tutto il romanzo è scritto in chiave neo situazionista, cioè nell’impossibilità di distinguere il vero dal falso, il reale dall’immaginario. La storia è quindi mescolata alla finzione, ed è (quasi) impossibile capire dove si fermi la cronaca vera e cominci l’immaginario. Certo, ovviamente questa difficoltà decade nelle frequenti parti erotiche del racconto, che restano però lì a metà tra un semplice accenno e un esplicito De Sade (in pratica mai abbastanza da scatenarti una festa nelle mutande, ma sufficienti a desiderarla, la festa).
E no, anche se è il secondo romanzo di seguito che leggo (dopo Donne di Bukowski) con espliciti riferimenti sessuali non sto diventando un imperterrito onanista.

Ho letto questo libro, circa 200 pagine, in soli tre giorni. Questo perché la scrittura è coinvolgente e soprattutto divertente, ironica e, a tratti, volutamente grottesca nelle scene di sesso. Tuttavia non credo di averlo apprezzato appieno, probabilmente perché non conosco realmente Dostoevskij e la letteratura russa, come ti dicevo. Certo, i riferimenti sono molti e anche ben spiegati, tuttavia penso rimanga una lettura per chi abbia una buona conoscenza di Dostoevskij (ok, ti prometto che leggerò almeno Le notti bianche) e quindi te lo consiglio solo se la letteratura russa è tra le tue passioni.
Chissà, forse lo riprenderò in mano quando avrò colmato il vuoto.

Copia cartacea ricevuta in omaggio da Gingko Edizioni.